Browsing "sfoghi"
Dic 6, 2013 - sfoghi    1 Comment

Sarebbe bello se…

…. da oggi ognuno di noi si sentisse un pò più Nelson Mandela…..

 

ho sempre pensato che i morti non muoiono fino a quando noi li ricordiamo con i nostri pensieri ma sopratutto con i nostri gesti, il nostro modo di comportarsi….

 

per non trasformare in ipocrisia quello che ieri sera o stamattina molti di noi hanno percepito sarebbe bello se….

 

… da oggi ognuno di noi si sentisse un pò NELSON MANDELA!

Set 25, 2013 - sfoghi    9 Comments

Immunità contro parlamentari, politici e contro le persone di m***a.

Ieri sera annoiato a morte dalla partita che stavo sbirciando ogni tanto in televisione ho deciso di vedere
cosa si trasmetteva qua e la e mi sono imbattuto nel servizio delle Iene dedicato ad un noto deputato.

Ora non commenterò la vicenda, il comportamento delle iene o quello del deputato per sè, perchè tanto ci sono
uno dieci, cento deputati che vivono allegramente grazie a noi.

Se non conoscete la vicenda potete trovare facilmente su internet un sacco di punti dove potervi informare.

La prendo però a pretesto.

Perchè una cosa che ho visto mi ha dato tremendamente fastidio.

Ad un certo punto è stata tirata in ballo una bambina ed è stata usata in maniera schifosa ed indegna come scudo.

In una delle sequenze filmate, si nota come parte della vicenda sia accaduta su suolo pubblico con delle persone che
si trovavano li per caso e che inevitabilmente hanno osservato la vicenda.

E’ con quelle persone che oggi mi sento veramente incazzato.

E’ con il loro silenzio. E’ con la loro omertà.

Non vi/ci basta tutto ciò che ci circonda??? vi basta lametarvi con gli amici o con i colleghi e volete continuare
la vostra vita in questo modo???

Ma dico io, perchè nessuno ha parlato davanti ad una scena del genere?? perchè le persone non hanno più la forza o il
coraggio di indignarsi e non sentono il desiderio  di ribellarsi ad uno schifo del genere??

Siamo genitori, padri, madri o semplicemente esseri umani che vivono in una comunità di persone?? 

e allora perchè quando avvengono situazioni dove l’arroganza del potente domina non ci schieriamo contro questo genere
di dimostrazioni di forza??

Perchè non riusciamo ad incazzarci a tal punto da urlare “ORA BASTA” o da lasciarci andare a gesti di sana inciviltà
che possano in qualche modo essere intimidatori verso certi tipi di atteggiamento o di comportamento.

Perchè dobbiamo continuare a rimanere in silenzio o sopportare quelli che ogni giorno ci spintonano con arroganza e
preopotenza per fare i loro porci comodi??
perchè a questo tipo di potere non si può rispondere in altro modo??

io vedo che non esiste forma di protesta di sdegno che abbia valore e quindi perchè non ci incazziamo veramente tutti
e per una volta ci comportiamo anche da incivili ma soltanto verso quelle persone che fanno della mancanza di rispetto e
dell’inciviltà il loro credo.

Perchè non facciamo una petizione e non chiediamo che venga stabilita una legge che ci tuteli e che tuteli i gesti di
inciviltà verso quelle persone??

Chiediamo allo stato l’immunità verso le persone di me**a, verso i politici e parlamentari che non fanno il loro lavoro,
infondo chiediamo semplicemente di avere il loro stesso identico trattamento dallo stato e nei confronti dello stesso.

Citerò quanto visto solo a titolo di esempio.

– Questo signore percepisce 14mila euro al mese ed ha almeno due mesi con il 100% delle assenze in parlamento
   Perchè non chiediamo che con 2 mesi di 100% di assenze cada automaticamente la nomina
   Con tre tra il 60 e  l’80 avvenga la stessa cosa
   con quattro tra il 40 e il 60 idem
   un pò come fanno con noi nei conteggi dei minuti telefonici, arrotondiamo anche noi.

– Perchè quando vediamo un uomo abusare del suo potere, o sfruttare l’immagine di un bambino o di quaclun altro a suo vantaggio
non iniziamo ad urlargli dietro??

– Perchè difronte ad un ingiustizia non iniziamo a prendere posizione anche se non ci coinvolge direttamente???

– Quando quel signore ieri ha preso in braccio la bambina che piangeva le persone che assitevano perchè non hanno urlato
qualcosa tipo ” Piccola bimba, osserva cosa fa tuo padre (se era suo padre) e ricorda questi momenti così che in futuro tu
possa essere una persona migliore di lui)

– Perchè quando ha fatto scudo sulla sua immagine sfruttando la bambina la gente che assisteva non è stata colpita dal senso di
vomito o non ha deciso di sputare il suo disprezzo addosso al protagonista? E’ un brutto gesto ma sempre meno infimo
che proteggersi in quella maniera meschina… la gente deve capire che per noi comuni mortali e semplici cittadini italiani
certi comportamenti e certi modi di fare o di abusare del potere sono oltraggi, non ci stanno bene, non ci vanno più bene,
siamo stufi, ci siamo rotti le palle che oltre a tutto questo le persone che li compiono siano non solo eletti e nominati a
nostri rappresentanti ma siano pure mantenuti dai nostri soldi.

Sarà ora che diciamo basta????

Ok, rimaniamo nell’eleganza che ci contraddistingue e decidiamo di non sputare addosso a queste persone, di non urlare per la
strada come fanno negli studi televisivi i personaggi più colti ed importanti del paese…

anni fa mi raccontarono che si gettavano monetine in segno di disprezzo, cambiamo anche questa pratica perchè avidi come
sono probabilmente convincerebbero con false promesse dei ragazzini per andarle a raccoglierle perchè loro non si sporcano le mani

Decidiamo di fare qualcosa per manifestare loro quello che di lor pensiamo???

chessò iniziamo a lanciargli addosso pezzi di rotoli di carta igenica bagnata????

non fa troppo male, non è dannoso, probabilmente è biodegradabile…

facciamo qualcosa??? iniziamo a far qualcosa??

chiediamo allo stato che ci venga riconsciuta l’immunità nelle azioni verso i suoi rappresentanti????

dobbiamo probabilmente rivolgerci all’alta corte internazionale?

Ago 6, 2013 - sfoghi    6 Comments

AntiBeneficenza: Leva sulle coscienze

Era dai tempi della maratona ai benefattori per Haiti (di cui parlai qui http://solounopinione.myblog.it/archive/2010/04/26/the-truman-stato.html) che non mi ribolliva il sangue in questo modo, sia chiaro, io credo nella beneficenza e nell’aiuto verso i bisognosi, ci credo fortemente…

ma non sopporto quando qualcuno ti spinge a farlo, quel genere di gesti deve venire da dentro, non deve essere frutto di una leva sulla coscienza della gente, per di più di quella gente che non ha molto da offrire e invece continuano da tutte le parti, in ogni modo a chiedere aiuto e denaro alla gente comune.

E’ una gara di immagine a chi si sente più paladino dei più deboli, testimonial di ogni tipo per chiedere soldi e aiuti alla gente comune.

Iniziano a starmi sulle palle tutti, anche quelle associazioni che di bene ne fanno realmente molto.

Non abassatevi a questo giochino, anche se vi torna utile, dite basta, dite NO grazie…

Non accettate i compromessi e sopratutto non sarà l’ora di finirla di chiedere soldi alla gente?? non sarà ora di finirla di fare leva sulla coscienza delle persone??

Ci sono luoghi e personaggi a cui non chiedete mai nulla, andate da loro a chiedere, che noi, statevene certi, il nostro lo facciamo già senza che ci consigliate voi come e dove farlo.

Lo sfogo è stato originato da questo filmato, ma è riferito a qualsiasi cosa di simile…

 

 

Fate vedere questi filmati prima delle partite di calcio, ma ai calciatori, procuratori e presidenti.. portateli nei campi di basket negli USA, nei campi da Golf, in formula 1, ma sopratutto mostriamoli ai Politici in Parlamento, in televisione e ancora diffondiamoli nelle grandi multinazionali o aziende che popolano il nostro paese, sono sicuro che prima dell’aiuto della gente comune (che molto probabilmente fa già il suo) sarebbe ora che aiutasse chi potrebbe veramente cambiar le cose

 

 

Ma avete sentito la cadenza? il tono di voce?? chi sei doppiatore?? lo so che fai il tuo lavoro ma una mano sulla tua di coscienza te la metti??

 

ti sei mai chiesto se le cose che dici nel modo in cui le dici, le parole che usi siano realmente un gesto in direzione del prossimo o piuttosto un gesto per indurre il prossimo, per farlo sentire colpevole e quindi ottenere qualcosa in cambio?? certo, il tuo è un lavoro e tu sei un professionista.. grazie a queste due motivazioni e ad un mondo che ci ricatta ogni giorno così, grazie a gente senza onore e senza palle (mi ci includo tranquillamente) siamo nello stato in cui siamo…

troveremo la forza di dire no?? …prima o poi….

Vorrei proporre una petizione

 

E’ l’era delle petizioni, e con le petizioni si sono raggiunti risultati anche significativi…

 

quasi quasi, se mi prendono i cinque minuiti mi metto di buona lena e apro una petizione per chiedere

che il voto per l’elezione del presidente della repubblica sia con scrutinio pubblico.

 

Il problema è che sono una bestia da terza elementare e le petizioni vanno scritte ad effetto per colpire il pubblico

al di là del messaggio che lanciano.

Se qualcuno di quelli che legge il blog e che è in grado di scrivere in un italiano corretto condividesse il mio pensiero

potremmo almeno provarci… vi lancio il sasso….

 

Non capisco perchè persone elette in rappresentanza del popolo debbano tenere oscuro al popolo stesso il loro pensiero ma soprattutto mi da tremendamente sui nervi leggere questo:

 

“Accolti in aula da sorrisi, applausi, risate e piccole ovazioni. E sul web da migliaia di post.

 I voti improbabili, le boutade dei grandi elettori durante la prima votazione per l’elezione del

nuovo Presidente della Repubblica. Da Valeria Marini a Raffaello Mascetti, il conte Lello che,

nel film “Amici Miei”, era interpretato da Ugo Tognazzi. Fino a Veronica Lario, l’ex moglie di

Silvio Berlusconi. Momenti che riescono a scardinare l’atmosfera tesa dell’emiciclo di Montecitorio

 e “scaldano” gli utenti dei social network”

 

tratto da:

http://www.repubblica.it/speciali/politica/elezioni-presidente-repubblica-edizione2013/2013/04/18/news/i_voti_bizzarri-56920824/

 

 

Ho lasciato trascorre qualche ora per vedere se quella sensazione che provo dento poteva andare scemando pensando che a volte forse sono troppo “serio” su certe questioni.

 

Beh, sono passate diverse ore e sono sempre più incazzato invece.

Solitamente nel mio blog e in generale sono una persona molto pacata e misurata nei commenti, adoro le battute e la goliardia ma su certe questioni esigo serietà.

 

Bene, in questo momento sono incazzato e indignato molto più di come lo ero qualche giorno fa.

 

 

E’ mai possibile che persone pagate con soldi pubblici elette in rappresentanza del pensiero di un popolo

nel nome di uno stato che sta vivendo un periodo pessimo, al limite della decenza ma che vuole credere

ancora in quel piccolo velo di speranza che la dignità di persone del nostro passato ci fanno ancora immaginare di poter avere un futuro si trovino davanti alla possibilità di esprimere la loro opinione con una mano sulla coscienza e una sul cuore nel nome del futuro di questo paese, nel nome del futuro dei loro figli e nel rispetto dei loro padri o nonni si rechino nel luogo dove questa possibilità diventa una responsabilità e votino nomi come Mascetti, la Marini, Trapattoni e chi più ne ha più ne metta…

 

vorrei tanto chiedere a queste persone…

 

Ma che razza di uomo di merda sei tu che sei dove sei e hai la possibilità con un voto di esprimere la tua opinione che dovrebbe essere quella del popolo che ti senti di rappresentare, hai la responsabilità di poter influire sull’elezione di un PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA e voti Mascetti o Trapattoni (senza offendere i citati sia chiaro).

 

Che cosa hai nella testa, il gene della comicità devastante?? ma non ti è venuto in mente nemmeno per un attimo che non si sta votando per comporre i membri delle squadre di calcetto per la partitina di mercoledì sera???

ma non ti è venuto in mente nemmeno per un attimo che sei dove ti trovi grazie ad un sistema che ti ha permesso, probabilmente senza alcun reale merito o motivo concreto di aver la possibilità di nominare un uomo a rappresentanza di una parte di un periodo storico di un intero paese??

 

ma non ti è venuto in mente che il tuo voto IDIOTA è un occasione buttata nel cesso per provare a dare un segno che per una volta sia diretto agli interessi di migliaia di persone e non solo ai tuoi, che moralmente dovrebbero pure coincidere?

 

Ma non ti è venuto in mente nemmeno per un momento di pensare ” che cazzo sto facendo??? “

 

Se ti è venuto vorrei provare ad elencare le ipotesi che il tuo cervello può aver elaborato:

 

Pensiero A (elegante): Certo, lo so che è un voto buttato, ma tanto questo paese non cambierà, non posso cambiarlo io e non lo cambierà il mio voto, ci sono gli interessi economici e la mafia, vorrei ma non posso,  faccio il battutone così almeno strappo un sorriso..

 

Coscienza dispersa del Pensiero A: Demente, se il tuo pensiero è A dovresti capire che il ruolo che stai ricoprendo non è adatto a te, non meriti di ricoprirlo perchè non sei in grado di capire quando si tratta di giocare e quando si tratta di essere serie, con queste premesse come cavolo fai a pensare di poter rappresentare più persone quando non sei nemmeno in grado di governare il tuo pensiero.

 

Pensiero B (il rapido): Ma chissenefrega del voto e del presidente della repubblica, è una carica inutile, uno vale l’altro scrivo quello che mi passa per la testa.

 

Coscienza dispersa del Pensiero B: Credo sial il pensiero più probabile dei personaggi che hanno votato con questa irresistibile ironia..  Il pensiero A prevede anche un piccolo ragionamento a monte che penso sia improbabile frutto di una mente che vota la Marini.

Soltanto chi non è in grado di capire ne il ruolo che ricopre, ne le aspettative delle persone verso chi ricopre quel ruolo ne cosa significhi storia, stato, presente, passato e futuro ma che capisce benissimo i lussi che può permettersi quando una volta al mese vede il suo conto in banca sorridere.

Sei uno dei tanti che vive a sua insaputa, spero solo che un giorno non ti renda conto del perchè sei al mondo

 

Pensiero C (disfattista e approfittatore) : Il sistema è marcio, lo stato non mi aiuta, al voto non ci credo, io avrei la soluzione io avrei le idee ma contro lo schema delle istituzioni un uomo solo non può nulla. Voto ironico, voto di protesta.

 

Coscienza dispersa del Pensiero C: Ci mancava il genio, l’intellettuale, la mente.. tu, che saresti la soluzione globale ai problemi dell’umanità riusciresti a spiegarmi per quale motivo la tua onestissima coscienza e lealtà ti permette di continuare ad eleggerti rappresentante di un sistema a cui non credi? perchè fai parte di un gioco già scritto a cui tu ti opponi a parole ma adagi a fatti?

 

Pensiero D (il coraggioso) : ma si tanto nessuno saprà mai chi sono, non conosco i candidati, non ho voglia ne tempo di pensare butto li un nome e ci facciamo quattro risate.

 

Coscienza dispersa del Pensiero D: certo, figlia di ragionamenti così è la situazione dello stato italiano, delle aziende italiane, delle famiglie italiane, delle scuole italiane, della sanità italiana, della viabilità italiana. Il grosso problema, e non è nemmeno tuo, e che poi alla fine c’è perfino chi ride e chi applaude…

 

 

Con i possibili pensieri di queste persone mi fermerei, potrei aver già sopravvalutato ma tornerei sul punto iniziale.

 

Dicevo che sono arrabbiato e parlavo delle petizioni…siccome di fondo penso che queste persone siano diversamente coraggiose quindi discretamente codarde mi piacerebbe pensar di proporre una petizione che rendesse pubblico questo tipo di voto.

 

Io voglio sapere NOME E COGNOME di quelle persone che si sono divertite a fare i simpaticoni durante la votazione per l’elezione del PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA

 

sono cittadino italiano, quelle persone si trovano li anche in mia rappresentanza?? sono stipendiate anche dai miei centesimi di euro???

 

Bene allora io esigo di sapere come si chiama e che faccia ha quel mio rappresentante che durante la votazione ha citato quel tipo di persone io credo fermamente che sia un mio diritto conoscere e avere la possibilità di riconoscere vedendoli in faccia questi simpatici personaggi.

 

Rendete pubblici i loro stipendi e tenete segreti i loro pensieri, tenete segreto il loro modo di rappresentare noi cittadini il nostro pensiero e il loro modo di difenderlo e diffonderlo…io mi chiedo perchè????

 

di cosa avete paura???

 

(ho come la sensazione che se mai il voto diventasse pubblico questi voti nel cesso diminuirebbero drasticamente)

 

 

….mi raccomando, puntuali a chiederci i soldi per pagare i loro stipendi….

 

 

Ve li dò i centesimi di euro ma voi dateci da domani in poi i loro nomi.

 

 

(P.S. spero che non abbiate figli!!!!)

[il riferimento mi sembra chiaro]

Apr 10, 2013 - sfoghi    3 Comments

Ogni giorno di più

Dal punto di vista professionale e lavorativo questo paese mi delude ogni giorno di più,
dico questo paese perchè è qui che vivo e che lavoro, le ultime mie due esperienze sono in aziende
che possiamo per motivi diversi chiamare sorta di multinazionali… 

l’impressione generale è di un leggero miglioramento se il confronto viene fatto su livelli di professionalità con personale di altri paesi e questa non può di certo essere considerata una buona notizia.
 
Ad ogni modo, per quella che è la mia esperienza lavorativa in azienda posso dire che è
veramente pessima la situazione generale… e che forse non è un caso se la crisi ha annientato
un numero enorme di aziende, qualcuna che magari non meritava ma molte la cui gestione era probabilmente approsimativa.

Forse il problema è dovuto anche dal fatto che chi ha una reale passione per un determinato lavoro
e magari investe del tempo per coltivarla poi per un motivo o per l’altro si trova obbligato
a svolgere tutt’altro impiego pur di poter sopravvivere… la società è assolutamente
disorganizzata per evitare queste situazioni.

Se a questo aggiungiamo la mania del tempo, della fretta, delle esigenze produttive e l’incapacità effettiva delle persone incaricate di organizzare personale e lavori ecco che esce un quadro dove la professionalità non può esser ne garantita ne mantenuta e anche il prodotto finito risente delle lacune di processo a cui è andato incontro.

Purtroppo il dio denaro scorre con il tempo e se ne frega di  tutto quello che lo circonda. Basta fermarsi un attimo a pensare quando si attraversa una qualsiasi zona commerciale al numero di auto che sono in vendita nei concessionari oppure al numero di televisori che vediamo nei centri commerciali…

quando mai venderai tutti i  prodotti che hai in esposizione??

la produzione non è più relativa alla domanda ma è legata alle forme più assurde di finanziamenti privati e pubblici che finiscono per arricchire qualche decina di furbetti e per distruggere l’azienda italiana lasciando con le pezze al c**o migliaia di famiglie.

Siamo pieni zeppi di “imprenditori” e poverissimi di industriali…

La nostra società è figlia di privilegi che non ha mai guadagnato ma di cui ha sempre e soltanto
usufruito.

Secondo me dobbiamo capire che non si può più basare la società sull’industria,
quel tempo è passato, le piccole città che venivano alimentate dall’indotto delle grandi
industrie non esistono più, è un sistema che non regge più, il mercato è allargato e il
tempo ristretto, la qualità una chimera l’economia il padre eterno.

O cambiamo modo di vivere e cambiamo struttura alla società o tempo al tempo perderemo
tutto quello che i nostri padri, i nostri nonni e i loro antenati hanno costruito in secoli di storia o decenni di sogni e sudore.

 

Dic 17, 2012 - sfoghi    No Comments

Arriva la Tares

A Gennaio arriva la TARES, e su questo argomento credo non ci siano parole migliori di quelle pronunciate da un certo Winston Churchill qualche anno fa….

Una nazione che si tassa nella speranza di diventare prospera, è come un uomo in piedi in un secchio che cerca di sollevarsi tirando il manico.

Sir Winston Churchill.

Da uno dei tanti della generazione perduta

 

Ma lo sà signor Monti che le sue parole mi hanno dato non poco fastidio?!??

Generalmente non sono uno di quelli che si schiera o ama farlo, specie a prescindere.

Di solito mi piace osservare ed eventualmente giudicare i fatti, tra l’altro giudicandoli per quel che sono e non andando a generalizzare e a giudicare la globalità di una persona da un gesto, un azione o una parola; questo principalmente perchè, ritengo, che si possa anche sbagliare.



Però in questo caso le sue parole mi irritano davvero in maniera prepotente, probabilmente perchè non condivido ma soprattutto non capisco il senso di questa sua frase.



Ho 32 anni, 14 anni di lavoro alle spalle complice il fatto che non ho fatto in tempo a capire che l’importanza dello studio, della scuola e della cultura in generale non andava riferita a parenti e genitori e nemmeno ai loro amici o conoscenti come elemento di successo per il loro ruolo di padri o parenti appunto ma quanto piuttosto a prepararsi ad affrontare quel futuro che, in quel momento, tranne pochi fortunati nessuno conosce.



Prepararsi ad affrontare quel futuro vuol dire prepararsi a diventare uomini e responsabili, vuol dire prepararsi ad affrontare quella fase della nostra vita per cui siamo i principali padroni del nostro presente ma anche prossimo futuro e non solo del nostro.



Prepararsi ad essere protagonisti ereditando il mondo che è stato disegnato dalle  due generazioni precedenti alla nostra.

Essere protagonisti dovrebbe essere un ambizione, sana e naturale e non una condanna.


Essere protagonisti vuol dire avere occhi per vedere il presente, capire il passato e se necessario provare a cambiare il futuro.


Io, come credo molti di noi, della mia generazione non mi sento affatto perduto, qui se c’è qualcuno che ha “perduto” (tanto tra l’elevatissima classe dirigente del nostro paese in pochi capiranno il virgolettato, sempre che riescano a mantenere la concentrazione oltre le prime 10 righe di lettura), se c’è qualcuno che ha “perduto” appunto, siete voi, certo non subite danno economico e la vostra vita prosegue anche fin troppo bene, ma avete perduto, per quel che vale ogni considerazione e ogni forma di rispetto che noi comuni cittadini dovremmo riservare a chi dice di rappresentarci.

Voi avete perduto la faccia, l’onore e molte volte anche la dignità. 


Quello che voi vedete in noi non è altro che il risultato che siete stati in grado di produrre con il vostro lavoro, la conclusione la subiamo noi ma la causa siete voi, spero non ve ne rendiate troppo conto perchè se così fosse e qualcuno di voi avesse veramente a cuore il mestiere che ha scelto credo resterebbe soltanto una soluzione oltre al profondo pianto…


Ritornando a noi, beh, caro Signor, Dottor o scelga il titolo che più sente sia adatto alla sua figura, noi non ci sentiamo perduti, ci sentiamo incazzati.

Ho 32 anni come le dicevo, lavoro da 14, ho fatto l’operaio, il manutentore, il porta latte, l’elettricista, l’impiegato in ufficio tecnico, l’IT Manageril cassaintegrato, il disoccupato e ora mi occupo di Robotica. Ho un figlio di 4 anni ed uno in arrivo tra poco più di un mese, ho una bambina adottata a distanza nello Sri Lanka, non ho mai guadagnato più di mille e cinquecento euro mensili e purtroppo ho la terza media ma lo sa che cosa mi sento??? 


Mi sento discretamente fiero di me, curioso di vivere la vita e pieno di voglia di imparare qualcosa di nuovo.

Ho ancora un sacco di idee e progetti da provare a realizzare, ogni lavoro che ho fatto mi ha insegnato qualcosa che oggi mi è utile, non c’è un lavoro che reputo più dignitoso di un altro perchè, di ogni esperienza mi porto con me pregi e difetti ma soprattutto di ogni esperienza mi porto dentro momenti, sensazioni e parole di persone, tutta gente comune, normale nella sua semplicità che con i loro racconti e opinioni mi hanno dato da pensare, da pensare per creare, per provare, per sviluppare e anche per trovare un modo di dire no a determinate ingiustizie. 


Hanno a loro modo contribuito a far di ogni risveglio mattutino un occasione per imparare qualcosa di nuovo, anche dalle delusioni, anche dai fallimenti ma sempre sulla mia, sulla nostra pelle perchè noi gente comune siamo fatti così

parliamo di noi per noi e tra noi, se vogliamo qualcosa cerchiamo il modo per averla e al massimo cerchiamo un aiuto, non siamo abituati a mandare altri al nostro posto o a togliere ad altri per dare a noi stessi, siamo abituati a fare con quello che abbiamo e se non abbiamo ci abituiamo ogni giorno ad accettare il fatto che non abbiamo, molti di noi senza demordere arrivano con sacrifici, a volte, ad avere quello che desideravano altri non ce la fanno, però noi siamo fatti così, forse per questo voi siete arrivati fino a li, forse per questo oltre ad esser arrivati riuscite anche a rimanerci.



Noi non aspetteremo fermi, probabilmente non avremo la fortuna di vedere i frutti del nostro lavoro ma faremo qualcosa.

Noi penseremo al futuro non per noi ma per chi quel futuro dovrà viverlo, voi non potete capire, non lo avete mai fatto, ma noi, noi ci proveremo.



Noi proveremo a trasmettere ai nostri figli la nostra rabbia, i vostri errori, la nostra voglia di vivere, i vostri arroganti interessi, la nostra voglia di creare un mondo migliore, le vostre guerre, la nostra fratellanza, la vostra globalizzazione, la nostra cultura, la vostra ignoranza.



Noi ci proveremo, da perdere non abbiamo molto ma da guadagnare abbiamo considerazione, rispetto, orgoglio e…



..il merito di contribuire a costruire un futuro migliore per chi verrà dopo di noi!!!

 

Mag 29, 2012 - sfoghi    No Comments

Sisma

 

Anche oggi una scossa, la terra trema,
chi se ne accorge e chi no

Per chi se ne accorge la vita si ferma un istante
il silenzio sembra la scelta più giusta
la paura sembra il sentimento più idoneo
le speranza è ciò su cui si fà affidamento
Poi pian piano tutto torna come prima

Per chi non se ne accorge la vita scorre come sempre
la frenesia sembra la scelta più diffusa
la fretta sembra il sentimento più comune
lo stipendio a fine mese è ciò su cui si fà affidamento
Tutto è come sempre

Per chi non lo può raccontare
ingiustizia o destino sembrano i termini più appropriati
il dolore dei primi si mischia all’indifferenza dei secondi
nei sentimenti della gente
è lontano o qui non succederà e quello su cui si fà affidamento

 

Gen 13, 2012 - sfoghi    2 Comments

Anche in Cina, non stanno bene

ma io mi chiedo, ma signori miei siete sicuri di star bene?? ma vi rendete conto??

già io non capisco chi si mette in fila/coda in un negozio per acquistare tecnologia…

non bastasse questo pure passare a forme di violenza??? ma questa gente non può esser considerata normale ed equilibrata…

ma cosa ti cambia prendere l’ipad/pod/phone per primo o al primo giorno??? ma sopratutto cosa ti cambia non farlo in quel momento?

Allora mi chiedo ma nella mente di queste persone c’è un ragionamento, sono mosse da una precisa loro volontà oppure vivono secondo i desideri di altri?? fanno le cose perchè qualcuno li ha convinti che sia giusto farle??

un pò come il discorso di ieri… ma dove stiamo andando?? ma persone che ragionano e hanno la voglia e la forza di dire NO o NON ME NE FREGA NIENTE esistono ancora?

 

vi riporto il link e parte del testo della notizia:

http://it.euronews.net/2012/01/13/pechino-in-delirio-per-nuovo-iphone-sospese-vendite/?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+euronews%2Fit%2Fhome+%28euronews+-+home+-+it%29

 

È terminato con lanci di uova e scene di delirio collettivo il lancio del nuovo iPhone in Cina.

Apple ha sospeso le vendite dopo che davanti ai negozi di Pechino erano scoppiati tafferugli tra la folla in attesa.

Nonostante il freddo polare, centinaia di persone si erano messe in fila fin dalla notte scorsa all’esterno dell’Apple store per aggiudicarsi il nuovo smartphone.

“Siamo arrivati qui due giorni fa, siamo partiti dal Tibet in aereo – spiega un giovane – È stato un lungo viaggio, quindi ci devono dare una spiegazione valida”.

 

Te la darei io la spiegazione… ma anche l’ossigeno ha un suo prezzo!

Dic 14, 2011 - Estratti, sfoghi    2 Comments

Piccolo Promemoria da condividere

 

LO STATO  chiede di aumentare l'etàdelle pensioni perchè in EUROPA tuttilo fanno.

NOI CHIEDIAMOinvece, di arrestare tutti i politicicorrotti , di allontanare dai pubblici
uffici tutti quelli  condannati in viadefinitiva perchè in EUROPA tutti lofanno, o si dimettono

da soli per evitare imbarazzanti figure.

NOI CHIEDIAMO di dimezzare il numero di parlamentariperchè in EUROPA nessun paese ha cosìtanti politici !!

NOI CHIEDIAMO di diminuire in modo drastico gli stipendi e i privilegi a parlamentari e
senatori, perchè in EUROPA nessuno guadagna come loro.

NOI CHIEDIAMO di poter esercitare il mestiere di politico almassimo per 2 legislature come in EUROPA tutti fanno !!

NOI CHIEDIAMO di mettere un tetto massimo all'importo delle pensioni erogate dallo stato

(anche retroattive), max.  5.000, 00 euro al mese di chiunque, politici e non, poichè in EUROPA Nessuno percepisce 15/20 oppure 37.000,00 euro al mese di pensione come avviene in ITALIA.

CARI MINISTRI non ci paragonate alla GERMANIA dove non si pagano le autostrade, i libri di testo per le scuole sono a carico dello stato sino al 18 anno d'età, hanno il 90 % degli gli asili, e  nidi sono aziendali e gratuiti, e non ti chiedono 400/450 euro come gli asili statali italiani !!

IN FRANCIA le donne possono evitare di andare a lavorare part time per racimolare qualche soldo indispensabile in famiglia e percepiscono dallo stato un assegno di 500,00 euro al mese come casalinghe più altri bonus in base al numero di figli .

IN FRANCIA non pagano le accise sui carburanti delle campagne di napoleone, noi le paghiamo ancora per la guerra d'Abissinia!!

NOI CHIEDIAMO A VOI POLITICI che la smettiate di offendere la nostra intelligenza, il popolo italiano chiude 1 occhio, a volte 2, un orecchio e pure l'altro ma la corda che state tirando da troppo tempo si stà spezzando. Chi semina vento, raccoglie..tempesta !!!

SE APPROVI,
PUBBLICA E DIFFONDI QUESTO MESSAGGIO
E CHIEDI AD ALTRI DI FARLO!!!!!

Pagine:123»